Risorse per webmaster

L A   C O M U N I T À   V I R T U A L E   I T A L I A N A   P E R   W E B   M A S T E R S

 
 

      Tecnologie
 
      Grafica
 
      Servizi
 
      Raccolte
 
      Recensioni
 
      Analisi
      E-LEARNING
      E-MARKETING
      MOTORI
      DOMINI
      VENTURE
      E-COMMERCE
 
      Disclaimer

   Per tutti
 
  .: Magazine
  .: Editor
  .: Appunti
  .: Gratis
  .: Scripts
  .: Components
 
   Home page

Partner
Comunicati stampa
Proposte di viaggio
Prenotazione hotel
Prenota vacanze
Accessori palmari
Cerca alberghi
Guide turistiche

Livello di difficoltà:Livello di difficoltà: basso  
Questa sezione è interamente dedicata ai nomi di dominio: come registrarne uno, verificarne la disponibilità ed infine esaminarne la situazione delle registrazioni. Costi da affrontare ed istruzioni da seguire per registrare correttamente un domain name.
 

La corsa ai nomi di dominio

Analisi sui nomi di dominio
Molti di noi avranno già un loro nome di dominio, altri ancora non sapranno neanche di cosa stiamo parlando, quindi vediamo di accontentare tutti con questo articolo.

I nomi di dominio, si suddividono in tre livelli:
.com (o .net, .org, .it ecc.) è il primo livello anche detto gTLD.
nome.com è il secondo livello.
www.nome.com o cliente.nome.com è il terzo livello, anche detto volgarmente nome di dominio.

Fino a qui sembra tutto normale, ma dove sta la corsa al dominio?
Il problema, è che prima si arriva, meglio si alloggia. Quindi, ammettiamo di voler creare un sito di calcio chiamato gol e, di registrare un dominio ad hoc, il più logico sarebbe www.gol.com.
Abbiamo finalmente completato le nostre pagine, il nome è pronto, dobbiamo solo collegarci all'indirizzo www.networksolutions.com e verificare se il nostro bellissimo nome è gia occupato. E qui arriva la prima nota dolente, gol.com è stato già registrato da uno sconosciuto quanto antipatico signore straniero.
Come rimediare a questo incoveniente? Cambiamo nome di dominio, provando con gol.net o gol.org oppure possiamo optare su gol.it, ma nessuno di questi è libero.
Siccome imprecare non servirebbe a nulla, la soluzione potrebbe essere quella di cambiare completamente il nome al sito, ricordandoci di controllare se il corrispondente dominio sia libero.

Questa spiacevole avventura, non è solo un esempio, ma a molti è capitato di ritrovarsi con il tanto desiderato nome di dominio occupato.
Come se non bastasse, sono nate società che speculano sulle disgrazie altrui, vendendo nomi di dominio da loro precedentemente registrati.
Il caso più ecclatante ha visto nell'occhio del ciclone Altavista, il motore di ricerca più usato in Italia. L'indirizzo di tale servizio, è www.altavista.com, ma non tutti sanno che questo Url era già stato registrato da qualcuno che si stava godendo gli innumerevoli benefici di questo vantaggio. Infatti, almeno fino a Luglio del '98, digitando www.altavista.com si accedeva a una pagina piena di inserzioni pubblicitarie, una fonte di guadagno decisamente più redditizia per i proprietari di questa vera e propria miniera d'oro. Compaq poi (proprietaria di Digital Equipment - la società che ha sviluppato il famoso motore di ricerca), acquistò il diminio per circa 5,5 milioni di dollari (10 miliardi di Lire, più o meno).
Ma questo non è altro che la punta di un iceberg, molte altre importanti società hanno dovuto acquistare il corrispondente nome di dominio a prezzi esorbidanti, ricordiamo a tal proposito mtv.com, mcdonalds.com, afghanistan.com, philcollins.com e poi tanti altri...

La registrazione dei domini, è diventata come una moderna corsa all'oro ai tempi del far west.
Per questo motivo stanno nascendo sette nuovi Gtld (Generic top level domain): .firm per le aziende, .store per le attività commerciali con vendita di prodotti, .web per quelle strutture che curano in modo particolare attività correlate al World Wide Web, .arts per le entità che svolgono attività culturali e ricreative, .rec per quelle che si occupano di intrattenimento, .info per le organizzazioni che offrono servizi legati all'informazione e .nom per i nomi individuali o personali.

Ma chi vende i nomi di dominio?
Qui di seguito verranno catalogati alcuni di questi siti:

Domain Station
http://www.datashapers.com/domains
Non è altro che una grande vetrina dei propri nomi di dominio, che partono da un prezzo di mille dollari e possono essere ceduti anche in loco.

Capstone design
http://www.swansea.com/domains
La chiave del suo successo risiede nell'aver iniziato prima di tutti, comunque la mancanza di informazioni sui prezzi, fa pensare a costi molto elevati.

Information center
http://informationcenter.com
Piuttosto essenziale, il più grande intermediario privato dei nomi di dominio in Canada.
 

 
 
Home > domini > ...   © 1999-2017 Risorse.net, tutti i diritti riservati