Risorse per webmaster

L A   C O M U N I T À   V I R T U A L E   I T A L I A N A   P E R   W E B   M A S T E R S

 
 
      Tecnologie
      HTML
      CSS
      DHTML
      FLASH
      ASP
      PHP
      JSP
      PERL
      XML
      SMIL
      WIRELESS
      PALMARI
      APACHE
      MYSQL
      PICOSQL
 
      Grafica
 
      Servizi
 
      Raccolte
 
      Recensioni
 
      Analisi
 
      Disclaimer

   Per tutti
 
  .: Magazine
  .: Editor
  .: Appunti
  .: Gratis
  .: Scripts
  .: Components
 
   Home page

Partner
Comunicati stampa
Proposte di viaggio
Prenotazione hotel
Prenota vacanze
Accessori palmari
Cerca alberghi
Guide turistiche

versione stampabile Mostra una versione adatta per la stampa  

Livello di difficoltà:Livello di difficoltà: basso  
JSP (Java Server Page) è una tecnologia server side compatibile con tutti i Web server, molto prestazionale, affidabile e scalabile. Adatto per elaborare dati da database ed estrapolarne i risultati sul Web.
 

Differenze tra servlets e Jsp

Guida alle Java server pages
Il lettore attento inizierà quindi a chiedersi quale sia la fondamentale differenza tra una semplice servlet e una pagina JSP. Il comportamento di una servlet richiamata in una pagina HTML può in effetti rendere possibile la generazione di pagine dinamiche e quindi, qual’è il valore aggiunto dalle JSP?
A differenza di una semplice invocazione di una servlet pura in una pagina HTML, il JSP va un passo oltre: agli occhi del programmatore esse costituiscono il mescolamento di codice HTML, componenti riusabili (Java Beans), applicazioni remote (Servlets), codice Java puro e script Java-like. Si potrebbe dire che le JSP rappresentano il collante per unire insieme una serie di oggetti differenti tra loro. Le JSP sono la risposta a soluzioni simili come ASP e PHP ma in chiave Java.

Ecco ad esempio quella che può essere la struttura di una pagina JSP:

<JSP set up text>
<HTML tags>
text.....
<JSP tag>
<HTML tags>
<JSP tag>
text.....
<HTML tags>


In termini pratici, una pagina JSP è essa stessa compilata in una Servlet, ma il grosso vantaggio che se ne ottiene è che, in questo caso, la presenza di elementi di programmazione differenti (HTML, EJB, servlets) permette di diversificare i vari compiti, semplificando la loro realizzazione.

Processo di compilazione del file JSP nella relativa Servlet

Rispetto all’invocazione di servlets pure per la generazione di pagine web dinamiche, si semplifica la stesura e la modifica dell’HTML poichè è possibile separare la sezione di produzione dei contenuti da quella di visualizzazione vera e propria (aspetto grafico e stilistico del sito). I vantaggi di questo disaccoppiamento, si ripercuotono anche sulla modalità di produzione e manutenzione del sito, permettendo a team di lavoro differenti di lavorare in maniera indipendente ma parallela.

Il JSP permette di integrare il lavoro specializzato di team differenti

La relazione esistente tra Servlets e JSP è quindi ormai chiara. Le pagine JSP sono focalizzate sull’HTML (o XML) con inclusi tags Java o componenti (bean); quando ad un web server (che supporta il JSP) è richiesta una pagina JSP, esso verifica, innanzitutto, se tale pagina è già stata compilata (viceversa produce il relativo bytecode), quindi carica ed esegue il codice Java della pagina JSP come una qualsiasi altra servlet, producendo in output la pagina HTML da inviare al browser.

Interazione client-server dopo una richiesta di una pagina JSP
 

 
 
Home > jsp > ...   © 1999-2017 Risorse.net, tutti i diritti riservati